I più importanti colpi di calciomercato della Lazio

I più importanti colpi di calciomercato della Lazio

calcio

Spesso e volentieri il calciomercato diventa un momento che può essere esaltante oppure piuttosto difficile per i tifosi, che si aspettano sempre di vedere la propria squadra impegnata in operazioni per rinforzare la rosa.

Proviamo a dare uno sguardo, ad esempio, agli acquisti più costosi che ha fatto la formazione biancoceleste nel corso della sua storia. Come probabilmente tutti i tifosi laziali sanno, il picco si è avuto nel corso della gestione Cragnotti, con cui è stato persino vinto il tricolore nel 2000, salvo poi entrare in una gestione molto più oculata e attenta dal punto di vista economico con l’avvento del patron Claudio Lotito.

I primi cinque posti

Iniziamo questa particolare classifica prendendo in considerazione la top five degli acquisti di maggior spessore economico per il calciomercato Lazio. Al quinto posto troviamo, come si può facilmente intuire, un colpo di Sergio Cragnotti. Si tratta di un difensore che poi farà le fortune anche del Milan in Italia, ovvero Jaap Stam.

Infatti, il roccioso stopper olandese è arrivato nel 2001 dal Manchester United per una cifra intorno ai 26 milioni di euro. Non a caso la coppia formata da lui e Nesta è diventata una di quelle più affidabili e forti di tutta la storia della Lazio. Poco prima di Stam, ecco un altro colpaccio, sempre di quel periodo, stavolta in attacco. Stiamo facendo riferimento a Bobo Vieri.

Vieri è stato, tra le altre cose, uno degli acquisti più costosi anche di un’altra formazione italiana, ovvero l’Inter. Nel 1998 passò alla Lazio per una cifra intorno ai 28.4 milioni di euro, riportando in territorio tricolore l’attaccante che aveva già ben impressionato con la maglia della Juve, salvo essere ceduto poi in Spagna.

Il podio

Ecco i tre acquisti per cui sono state spese le cifre più ingenti di tutta la storia della Lazio. Sul gradino più basso del podio troviamo un argentino, ovvero Juan Sebastian Veron. Il centrocampista ex Sampdoria venne prelevato nell’estate del 1999 dal Parma per una somma intorno ai 30 milioni di euro.

Si è trattato certamente di un affare colossale, ma che testimoniava alla perfezione anche quali erano le mire di quella gestione, ovvero provare ad affermarsi non solo in Italia, ma anche in Europa. Il talento del centrocampista di origini argentine, infatti, non può essere assolutamente messo in discussione.

Molto più da discutere, invece, in riferimento al secondo colpo più costoso nella storia della Lazio, ovvero Gaizka Mendieta. Il fantasista di origini iberiche venne prelevato dalla formazione biancoceleste nel corso dell’estate del 2011. Un vero e proprio colpaccio da big d’Europa, visto che vennero pagati al Valencia qualcosa come 48 milioni di euro, ma il calciatore non si ambientò mai a Roma e, tra un equivoco tattico e l’altro, si rivelò un vero e proprio buco nell’acqua.

Infine, troviamo il calciatore che è stato più pagato in un trasferimento di calciomercato da parte della Lazio è un attaccante. Le origini sono sempre argentine: stiamo parlando di uno dei bomber di maggior spessore in tutta la storia della Serie A tra la fine degli anni Novanta e l’inizio del nuovo millennio. Stiamo inevitabilmente facendo riferimento a Hernan Crespo. Ebbene, il colpo messo a segno da parte di Sergio Cragnotti è costato alle casse della Lazio un esborso pari a 56.8 milioni di euro. Si tratta di uno di quegli acquisti che fanno sognare una tifoseria intera. E, in effetti, Hernan Crespo riuscì a ripagare alla grande tutte queste aspettative, dato che vinse la classifica marcatori andando a segno ben 26 volte nel corso del successivo campionato. Una media gol importante, pari a 48 reti in 74 partite, che ne hanno fatto uno dei migliori bomber che hanno vestito la maglia biancoceleste.

Andrea B.